Dottore commercialista e revisore legale Schina Katia

divider

News

Benvenuti su mio Blog

separator

Novità per Art-bonus e Tax credit Musica

/ 0 Comments /

La Legge 175/2017 “Disposizioni in materia di spettacolo e deleghe al Governo per il riordino della materia” contiene importanti interventi in ambito fiscale tra cui sono da evidenziare le novità per l’art bonus e per il tax credit musica, che riguardano:

  • per l’Art-bonus: l’ampliamento dell’ambito oggettivo;
  • per il Tax credit Musica: reintroduzione dell’agevolazione che è stata operativa per ilperiodo 2014-2016 e il venir meno della temporaneità del beneficio fiscale che assume dunque carattere permanente.

arte e musica

L’Art-bonus  viene allargato anche alle erogazioni a favore del sostegno “delle istituzioni concertistico-orchestrali, dei teatri nazionali, dei teatri di rilevante interesse culturale, dei festival, delle imprese e dei centri di produzione teatrale e di danza, nonché dei circuiti di distribuzione.”

Per le erogazioni liberali in denaro effettuate nei periodi d’imposta successivi a quello in corso al
31 dicembre 2013 per:

  • interventi di manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici;
  • il sostegno degli istituti e dei luoghi della cultura di appartenenza pubblica, delle fondazioni lirico-sinfoniche e dei teatri di tradizione, delle istituzioni concertisticoorchestrali, dei teatri nazionali, dei teatri di rilevante interesse culturale, dei festival, delle imprese e dei centri di produzione teatrale e di danza;
  • la realizzazione di nuove strutture, il restauro e il potenziamento di quelle esistenti di enti o istituzioni pubbliche che, senza scopo di lucro, svolgono esclusivamente attività nello spettacolo, spetta un credito d’imposta (art bonus), nella misura del 65% delle erogazioni effettuate. Il beneficio fiscale è altresì riconosciuto qualora le erogazioni liberali in denaro effettuate per interventi di manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici siano destinate ai soggetti concessionari o affidatari dei beni oggetto di tali interventi.

I soggetti beneficiari sono: persone fisiche ed enti non commerciali nei limiti del 15% del reddito imponibile e soggetti titolari di reddito d’impresa nei limiti del 5 per mille dei ricavi annui (art. 57. e85 T.U.I.R.).

Invece le nuove diposizioni in materia di Tax credit musica sono:

  • continua ad applicarsi a decorrere dal 1° gennaio 2018, superando dunque il precedente
    riferimento temporale 2014-2016;
  • viene assegnato carattere permanente all’agevolazione;
  • il beneficio fiscale è ora riconosciuto non solo per le opere prime e seconde ma anche in relazione alle opere terze (per opere si intende registrazioni fonografiche o videografiche musicali composte da un insieme di almeno otto brani non già pubblicati diversi tra loro, ovvero da uno o piu’ brani non già pubblicati di duratacomplessiva non inferiore a 35 minuti), a esclusione delle demo autoprodotte, di nuovi talenti definiti come artisti, gruppi di artisti, compositori o artisti-interpreti.

Nel caso di gruppi di artisti, il gruppo può usufruire del credito d’imposta solo se nella stessa annualità più della metà dei componenti non ne abbiano già usufruito.

separator

No comments so far!

separator

Leave a Comment